Home Società Avvio del progetto Bella Presenza. Sessanta partner contro la povertà educativa in Campania, Piemonte e Toscana

Avvio del progetto Bella Presenza. Sessanta partner contro la povertà educativa in Campania, Piemonte e Toscana

by redazione

7-8 SETTEMBRE 2018

COOPERATIVA SOCIALE DEDALUS

Ex Lanificio Sava di Santa Caterina a Formiello
piazza E. De Nicola, 46, Napoli

Inizio lavori ore 11:30

 

COMUNICATO STAMPA

Si avvierà con il seminario nazionale “Uno, due, tre …pronti via!” il progetto Bella Presenza: metodi, relazioni e pratiche nella comunità educante, il prossimo 7 settembre a Napoli, nella sede della Cooperativa sociale Dedalus, ente capofila del progetto selezionato da Con i Bambini, nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.
 
L’idea di fondo del progetto è che la bellezza, riconosciuta come valore chiave per orientare l’agire educativo e pedagogico, consenta la scoperta di risorse anche nei contesti più fragili e che insieme alla presenza, alla consapevolezza e al protagonismo dei giovani, serva a valorizzare le competenze, i desideri e le aspirazioni di tanti giovani privati della stessa possibilità di cittadinanza.
 
Protagonisti sei territori in tre regioni italiane, Campania, Piemonte e Toscana, che, per quanto presentino tratti diversi, sono accomunate dalla presenza di tessuti sociali variegati e multiculturali attraversati da crisi e trasformazioni socioeconomiche, strutturali e demografiche con un sistema socio-educativo e culturale che fatica a prevenire la dispersione scolastica.
 
Bella presenza vuole essere un laboratorio permanente di ricerca e sperimentazione di metodi, idee e attività tese a contrastare la povertà educativa – spiega Andrea Morniroli project manager del progetto – dentro un’idea di fondo che colloca il lavoro educativo in una dimensione politico-culturale orientata a trasformare l’esperienza in proposta di orientamenti e indirizzi di policy locale e nazionale. Partiamo dai bisogni di una scuola pubblica troppo spesso maltrattata, ma in tante periferie e luoghi fragili, unica istituzione ancora in grado di dialogare con pezzi di società che si sentono abbandonati e lasciati indietro.”
 
Il partenariato è composto da oltre sessanta realtà – con la scuola attore primo e indispensabile e la cooperativa Labins di Torino e Oxfam Italia rispettivamente capofila delle reti piemontesi e toscane – che collaboreranno per individuare le specificità e i metodi di intervento più efficaci nel contrasto alla povertà educativa, per cogliere possibili intrecci e modalità da replicare nei tre contesti regionali, nonché elementi di policy da proporre ai partner istituzionali a livello locale e nazionale.
 
A Napoli la due giorni di lavori collettivi costituirà un primo passo per la trasformazione del progetto da idea in realtà. La plenaria di venerdì 7 settembre (dalle 11.30 alle 14.00) verrà aperta da Elena De Filippo, Presidente della Cooperativa Dedalus, che vanta una lunga esperienza di lavoro in contesti di povertà educativa e disagio socio-economico. Seguirà la comunicazione artistica di Gabriele Vacis, regista teatrale e drammaturgo e la testimonianza di un ragazzo di Officine Gomitoli, il centro interculturale gestito da Dedalus. A seguire gli interventi di alcuni dei partner che entreranno nel merito dei singoli aspetti di quella che è stata delineata come la cornice condivisa di intervento e di metodo che il progetto vuole mettere in campo.
 
Hanno confermato la loro presenza Carlo Borgomeo, Presidente Impresa Sociale Con i Bambini, soggetto attuatore del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, che ha sostenuto il progetto; Annamaria Palmieri, Assessore alla scuola del Comune di Napoli, coinvolto in alcune delle attività del progetto e Cesare Moreno dell’Associazione Maestri di Strada.
 
Il pomeriggio di venerdì sarà dedicato ai laboratori tematici e la due giorni si concluderà con una plenaria nella mattinata di sabato in cui verranno condivisi i risultati dei laboratori e stabilite le prossime tappe del progetto.

 

Per leggere il programma completo clicca QUI

 

Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini (www.conibambini.org) nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo.

Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori.

Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD (www.fondazioneconilsud.it)

 

Per informazioni e interviste:
Silvia Vaccaro
silviavaccaro84@gmail.com 
+ 39 328 338 5544

 

Articoli correlati