Home CulturaCinema Il cielo è grigio sopra Colombo

Il cielo è grigio sopra Colombo

by Valeria Brucoli

di Valeria Brucoli. Giornalista.

Sri Lanka, 21 aprile 2019. Sono circa le 9.00 di domenica mattina e la comunità cristiana è raccolta in preghiera per la celebrazione della Pasqua, quando all’improvviso il cielo si infuoca. Sei esplosioni simultanee fanno brillare il santuario di Sant’Antonio, nel sobborgo di Kotahena, poco lontano da Colombo, la chiesa di San Sebastiano di Negombo, dove hanno perso la vita 27 bambini, molti dei quali erano in fila per ricevere la comunione, mentre terza esplosione ha colpito la Chiesa di Sion, evangelicale, a Batticaloa. Seguono lo Shangri-La Hotel, il Cinnamon Grand Hotel e il The Kingsbury. Poche ore dopo  il settimo kamikaze esplode presso un complesso residenziale di Dematagoda. Negli attentati hanno perso la vita 250 persone, di cui 47 erano bambini, a cui si aggiungono oltre 500 feriti.

A un anno di distanza The Tale Brothers, Riccardo Bianco e Matt Sclarandis, sono tornati sotto il cielo di Colombo, nei luoghi colpiti dagli attentati a scavare tra le macerie e tra i ricordi di chi è sopravvissuto, e per raccontare cosa è stato ricostruito e cosa perso per sempre. In un Paese in cui convivono buddhisti, hindu, musulmani e cristiani gli attentati associati alla Thowheeth Jama’ath nazionale, un’organizzazione terroristica jihādista locale, hanno rappresentato un profondo strappo nel tessuto sociale e nelle famiglie colpite dalla strage. 

The Tale Brothers ne hanno incontrate quattro, sono stati accolti nelle loro case, hanno visitato i luoghi della strage, le tombe di chi non c’è più, e hanno raccolto le loro testimonianze in questo documentario, creato dalle voci dei suoi stessi protagonisti, di chi il 21 aprile 2019 è stato colpito fisicamente ed emotivamente dagli attentati.  A loro è dedicato questo lavoro.

The Sky Was Grey, il secondo documentario firmato The Tale Brothers, dopo Pathmasiri – The forgotten boat, è stato rilasciato su Vimeo il 21 aprile 2020, esattamente un anno dopo i violenti attentati terroristici che hanno colpito la capitale dello Sri Lanka.
Il progetto è nato a settembre 2019, quando i filmmaker Riccardo Bianco e Matt Sclarandis si sono trasferiti in Sri Lanka per sei mesi con l’idea di creare documentari di viaggio, non solo con il fine di raccontare luoghi, storie e personaggi ma anche con lo scopo di aiutare le persone e o organizzazioni presenti all’interno di ogni documentario tramite la sua distribuzione su Vimeo on Demand. Il 50% del ricavato sarà donato alla causa raccontata in ogni breve documentario, mentre il restante 50% sarà reinvestito per girare il documentario successivo, quindi in una nuova causa.

The Sky Was Grey è disponibile per il noleggio o per l’acquisto su Vimeo. All’uscita del documentario è anche associata una campagna crowdfunding per supportare le quattro famiglie vittime degli attentati, che hanno raccontato la loro storia in questo documentario, e aiutarle a rimettersi in piedi, specialmente adesso che il Covid-19 si sta diffondendo anche nel loro Paese. 


Watch it. Change it.


The Tale Brothers
sono adesso a Pokhara, al centro del Nepal, dove sono rimasti bloccati a causa del lockdown. Il Covid-19 ha raggiunto anche le montagne più alte del mondo.  E anche se non si contavo ancora vittime e il numero dei contagiati è ancora molto basso, lo spettro dell’epidemia è sempre presente, in una città spettrale e silenziosa in cui gli animali sembrano essere gli unici abitanti. 

Lockdown in Pokhara COVID-19 è il loro nuovo racconto di viaggio, la cartolina piena di speranza che ci mandano dall’altra parte del mondo in attesa di domani. 

The Tale Brothers sono anche su Facebook e Instagram.

Articoli correlati