Home Editoriali C’è un tempo per ogni cosa

C’è un tempo per ogni cosa

by Paolo Naso

di Paolo Naso. Docente di Scienza politica all’Università Sapienza di Roma.

Dopo lo scempio democratico del 6 gennaio, quando rispondendo all’appello del Presidente Trump un’orda eversiva e sovranista ha fatto irruzione a Capitol Hill, da più parti si invoca la riconciliazione nazionale. No all’impeachment, quindi, e no alla contrapposizione frontale, ma sì alla politica della ricucitura e del dialogo. Un insidioso corollario di questo messaggio è che questa dolorosa operazione di ricomposizione nazionale va compiuta anche per capire le ragioni profonde di quell’America “dimenticata e esasperata” che ha risposto all’arruolamento nelle file dei Proud Boys e di altre associazioni che il Presidente “non rieletto” aveva convocato a Washington e alle quali aveva rivolto una paterna benedizione: «I love you». Insomma, dimentichiamo per non aggravare la tensione.

Riconciliazione nazionale, allora? Dimentichiamo tutto e ricominciamo con fiducia e rispetto? Forse è troppo presto.  E varrà la pena ricordare che mentre i manifestanti vandalizzano il Congresso, nel maldestro tentativo di contenere la rabbiosa violenza iconoclasta del “popolo” salito a Capitol Hill per difendere la democrazia violata dalla turpe manipolazione dei risultati delle elezioni, Trump si è rivolto ai rivoltosi che “volevano impiccare Pence” e dopo averli accarezzati e blanditi, come un predicatore che conclude il culto domenicale, li ha congedati con le parole liturgiche «andate in pace».  Soltanto qualche giorno dopo, con una giravolta retorica e politica più che audace, Trump si è liberato del pelo irsuto del lupo per ricoprirsi con quello morbido dell’agnello. E, mentre lui cambiava registro e agitava il ramoscello d’ulivo, non pochi hanno ritenuto che Biden avrebbe fatto bene a raffreddare gli animi ed a cercare una soluzione non traumatica alla crisi. In parole povere, no all’impeachment.

Il discorso è politico e non va confuso con la religione, anche se tra le bandiere del 6 gennaio vi erano anche quella della Destra religiosa, di alcuni gruppi del fondamentalismo evangelical e del conservatorismo cattolico che contesta papa Francesco. Ma la saggezza biblica dice che c’è un tempo per ogni cosa, un tempo per piantare e un tempo per sradicare le piante, un tempo per demolire e un tempo per costruire, un tempo per gettare sassi e un tempo per raccoglierli, un tempo per abbracciare e un tempo per astenersi dagli abbracci (Ecclesiaste, 3). Parole sante, e questo è il tempo della verità e della condanna di chi ha mentito e ridicolizzato la sostanza e i simboli della democrazia, e non solo di quella americana.

Paolo Naso

Paolo Naso

Docente di Scienza politica all’Università Sapienza di Roma

Abbonati ora!

Solo 4 € al mese, tutta Confronti
Novità

Seguici sui social

Articoli correlati