Il giorno dopo l'8 marzo - Confronti
Home Editoriali Il giorno dopo l’8 marzo

Il giorno dopo l’8 marzo

by Debora Spini

di Debora Spini (Centro Studi Confronti)

ll giorno dopo l’otto marzo ricorre un anniversario importante: i due anni dal momento in cui l’allora primo ministro Giuseppe Conte annunziava il primo lockdown.

Cosa è successo negli ultimi 24 mesi? L’Istat nella sua newsletter di febbraio ci fa notare come «in Italia il sottoimpiego delle donne e l’effetto del Covid sono più devastanti che nel resto d’Europa». E infatti nel report si legge come solo nell’ultimo anno abbiano perso il lavoro mezzo milione di donne, un punto percentuale in più rispetto agli uomini. Questo è avvenuto – continua a ricordarci l’Istat – nel quadro di un Paese che si attesta al terzultimo posto in Europa per tasso d’impiego femminile: più di una donna su due non lavora; il 48,5% è occupata, mentre la media europea è del 66%.

La pandemia ha riportato a casa molte donne. La casa è spesso un posto molto pericoloso; l’Istat nel report pubblicato il 25 novembre scorso ricordava come «nei primi nove mesi del 2020 si è osservato, infatti, un aumento delle segnalazioni di violenza in cui la vittima si è sentita in pericolo di vita per sé o per i propri cari (3.583 contro 2.663 nel 2019). Al contrario, la riduzione delle restrizioni negli stessi mesi del 2021 ha portato a una diminuzione delle segnalazioni di violenza in cui la vittima percepiva pericolo imminente (2.457 nel 2021)».

La pandemia ha riportato la gente a casa. In casa hanno luogo attività fondamentali – nutrire, lavare, confortare, guarire, medicare, educare, divertire… – normalmente riassunte nel lemma “lavoro di cura”. Già nel 1990 Joan Tronto e Berenice Fisher avevano definito la cura come «una specie di attività che include tutto ciò che facciamo per mantenere, continuare e riparare il nostro “mondo” in modo da poterci vivere nel miglior modo possibile». Storicamente la manutenzione del mondo era stata appaltata alla famiglia; vista la altrettanto storicamente consolidata redistribuzione dei ruoli di genere, la responsabilità di questo lavoro toccava soprattutto alle donne.

L’entrata delle donne nella sfera del la- voro retribuito ha fatto sì che lo Stato si facesse carico almeno in parte delle funzioni di cura; ma questa “esternalizzazione” è stata messa seriamente in discussione dalla crisi dello Stato sociale.

Ha così avuto luogo una ulteriore trasformazione: lunghe “catene globali della cura” – come le chiama l’economista Amaia Pérez Orozco – spostano per il globo milioni di donne che migrano per occuparsi di ciò che si continua a definire “il lavoro delle donne”. Il lavoro femminile, per di più, continua a costare meno: i dati relativi al 2018 indicano come il gender gap medio sia di 6,2 punti percentuali, e cresce con le competenze. Il lavoro di un uomo laureato costa 18% in più di una donna laureata, e un dirigente uomo costa 27% in più (dati Istat 2021).

La casa è diventata ufficio, aula, palestra. La pandemia ha ulteriormente turbato un equilibrio già fragile tra lavoro fuori casa e compiti di cura. Il Bilancio di Genere del 2020, redatto dal governo, mette in luce come «il tasso di occupazione delle donne con figli sotto i 5 anni risulta inferiore di oltre il 25% a quello delle coetanee senza figli e ha subìto un ulteriore peggioramento a seguito della crisi pandemica».

Per l’otto marzo succede sempre di tutto. Iniziative, dibattiti, concerti. Ci saranno promozioni in beauty centre, spa e parrucchieri. Ci sono anche menù speciali in ristoranti e pizzerie, happy hour nei bar. I blog di cucina che raccomandano ricette per una “cenetta fra amiche”. Ci saranno però come sempre anche le donne in piazza, a dare voce alle molte anime del femminismo italiano. Ci saranno anche le mimose, o almeno lo speriamo visto che con il cambiamento climatico ormai fioriscono a gennaio.

Il giorno dopo l’otto marzo 2022 si continuerà a discutere della ripartenza del Paese, di ripresa e di resilienza. Il giorno dopo l’otto marzo si continuerà a lavorare per “riparare il mondo” – un mondo dove le donne possano sentirsi a casa senza dover rimanere a casa.

Debora Spini

Debora Spini

Centro Studi Confronti

Abbonati ora!

Solo 4 € al mese, tutta Confronti
Novità

Seguici sui social

Articoli correlati

Lascia un commento

Scrivici
Send via WhatsApp