Il “peso” dell’economia nella crisi russo-ucraina - Confronti
Home RubricheDispacci di pace Il “peso” dell’economia nella crisi russo-ucraina

Il “peso” dell’economia nella crisi russo-ucraina

by Raul Caruso

di Raul Caruso. Economista, Università Cattolica del Sacro Cuore (Milano). Direttore del Center for Peace Science Integration and Cooperation (CESPIC) di Tirana.

Oltre a quelli strategici, esistono alcuni fattori strutturali dell’economia russa che contribuiscono a spiegare l’aggressività del regime di Putin e l’attuale crisi con l’Ucraina. In un’economia così dipendente dagli idrocarburi e con un settore manifatturiero in declino, l’unico comparto in salute sembrava essere, infatti, quello della produzione di armamenti.

Un numero significativo di osservatori e analisti ha evidenziato i fattori strategici che contribuiscono a spiegare la crisi tra Russia e Ucraina. In particolare, sovente viene menzionata l’espansione della Nato nella regione e quindi le problematiche legate alle aree di influenza di Russia e Stati Uniti non stabilizzatesi fin dalla fine della Guerra fredda. Altri evidenziano il ruolo ambiguo dell’amministrazione Trump nei rapporti con il Cremlino e i movimenti populisti filo russi in Europa occidentale.

Non vi è però una pari attenzione a quelle che ad alcune caratteristiche strutturali dell’economia russa e che invece sono necessarie per spiegare l’aggressività del regime di Putin negli ultimi anni. La presenza russa in diversi conflitti armati, infatti, è stata una costante in questi anni. L’era di Putin, peraltro, è iniziata con la guerra in Cecenia, e successivamente i russi sono intervenuti in maniera decisiva negli scenari dell’Ossezia del Sud, dell’Abcasia e anche nella situazione ben più complessa della guerra civile in Siria.

In linea generale, nel momento in cui si analizzano i conflitti armati, una delle caratteristiche fondamentali da tenere in considerazione è la struttura settoriale dell’economia che influenza, seppur in maniera non deterministica, le scelte dei governi in merito all’opportunità di muovere guerra o comunque lasciarsi coinvolgere in dispute militari. In particolare, ogni sistema economico può essere analizzato sulla base del peso dei diversi settori produttivi e degli incentivi che determinano in merito a scelte di politica e quindi anche in merito ai conflitti armati.

Varie ricerche mostrano che laddove vi sia un peso elevato di settori che creano rendite e che sono peraltro poco produttivi e innovativi – come ad esempio i settori estrattivi – gli incentivi al conflitto aumentano poiché questo diviene uno strumento di protezione di tali rendite anche a livello globale. Ed è per questo che Paesi con forte presenza di manifattura anche innovativa tendono a essere meno inclini al conflitto.

In parole più semplici, i Paesi che mostrano sistemi economici con un sostanziale settore manifatturiero integrato a livello globale sono meno inclini all’uso della forza nelle relazioni internazionali. Al contrario l’inclinazione al conflitto è anche conseguenza che si manifesta nel momento in cui le economie tendono a essere dipendenti da settori estrattivi.

Attualmente, l’economia russa è ormai dipendente dall’esportazione di gas e petrolio. Nel 2020 più del 50% delle esportazioni russe era costituito da idrocarburi e minerali mentre i beni manufatti contribuivano alle esportazioni solo per il 21%. Tra questi, peraltro, solo il 9% nel 2020 rientrava nella categoria high-tech e le esportazioni di Information and Communication Technologies (Ict) sono pari solo allo 0,5% delle esportazioni totali. In linea generale solo il 13% del Pil era riconducibile al settore manifatturiero.

Invero, l’eccessiva dipendenza dall’esportazione di idrocarburi è infatti una fragilità instabile che si trasforma in aggressività. Tale dipendenza non consente alla società russa di intraprendere un percorso di sviluppo economico equilibrato e soprattutto duraturo. E infatti i livelli di povertà stanno aumentando costantemente negli ultimi anni.

In un’economia così vulnerabile in quanto dipendente dagli idrocarburi e con un settore manifatturiero in declino, l’unico comparto in salute sembrava essere quello della produzione di armamenti tanto che la Russia pesa per circa il 30% delle esportazioni a livello globale di armi convenzionali.

Il declino economico viene peraltro peggiorato dall’impegno militare e quindi la Russia rischia di trovarsi in una spirale di impoverimento e conflittualità crescenti. A dispetto dei proclami muscolari, la scommessa militare di Vladimir Putin è già comunque perduta e i cittadini russi ne pagheranno il prezzo dovendo subire ulteriori passi indietro in termini economici.

Ph. Uploaded a work by © Ministry of Defence of the Russian Federation from https://мультимедиа.минобороны.рф/multimedia/photo/gallery.htm?id=90834@cmsPhotoGallery with UploadWizard

Picture of Raul Caruso

Raul Caruso

Economista, Università Cattolica del Sacro Cuore (Milano). Direttore del Center for Peace Science Integration and Cooperation (CESPIC) di Tirana

Abbonati ora!

Solo 4 € al mese, tutta Confronti
Novità

Seguici sui social

Articoli correlati

Scrivici
Send via WhatsApp