"La tua parrocchia sarà la strada". L'impegno di don Ciotti nel sociale - Confronti
Home CulturaCinema “La tua parrocchia sarà la strada”. L’impegno di don Ciotti nel sociale

“La tua parrocchia sarà la strada”. L’impegno di don Ciotti nel sociale

by redazione

di Redazione Confronti

Ordinato sacerdote nel 1972, don Ciotti ha sempre avuto come parrocchia “la strada” in quanto “luogo di apprendimento e incontro con le domande e i bisogni più profondi della gente”. Da lì è iniziato il suo lavoro al fianco delle persone tossicodipendenti, la promozione delle reti di impegno sociale, e le associazione di contrasto alla criminalità organizzata.

  • Don Pio Luigi Ciotti nasce nel 1945 in Pieve di Cadore (Belluno). Nel 1965 fonda con i gruppi parrocchiali della Crocetta “Gioventù”, gruppo per aiutare le persone tossicodipendenti per strada;
  • Nel 1972 viene ordinato sacerdote dal cardinale Michele Pellegrino, sostenitore delle iniziative di Ciotti. Il cardinale gli affidò come parrocchia “la strada” in quanto “luogo di apprendimento e incontro con le domande e i bisogni più profondi della gente”;
  • Nel 1974 don Ciotti riqualifica un cascinale in un centro d’ascolto per persone tossicodipendenti, la “Cascina Abele”. Questa diverrà la nota Onlus Gruppo Abele;
  • Riconoscendo l’importanza del “noi”, don Ciotti promuove reti di impegno sociale come il Coordinamento nazionale delle Comunità di accoglienza (CNCA) e la Lega italiana per la lotta all’Aids (LILA), delle quali è stato presidente;
  • Nel 1993 fonda il bimestrale Narcomafie dopo le stragi di Capaci e via d’Amelio, che nel 2020 diventa lavialibera;
  • Diviene presidente dell’associazione di contrasto alla criminalità organizzata Libera. Associazioni, nomi e numeri, fondata nel 1995 dal Gruppo Abele;
  • Nel 2004, don Ciotti si oppone alla Legge Fini-Giovanardi che inasprisce le sanzioni per il consumo di stupefacenti ed elimina la distinzione tra droghe leggere e droghe pesanti;
  • Nel 2007 si dichiara a favore delle coppie di fatto e nel 2008 denuncia la gravosità del reato di clandestinità, introdotto poi nel 2009 dalla Legge “pacchetto sicurezza” del Governo Berlusconi.

Ph. © Wikimedia Commons

Redazione Confronti

Redazione Confronti

Abbonati ora!

Solo 4 € al mese, tutta Confronti
Novità

Seguici sui social

Articoli correlati

Lascia un commento

Scrivici
Send via WhatsApp