Il papa in Africa - Confronti
Home RubricheDiario Africano Il papa in Africa

Il papa in Africa

by Enzo Nucci

di Enzo Nucci. Giornalista. Già corrispondente della Rai per l’Africa subsahariana.

Molto atteso il viaggio papale nella Repubblica Democratica del Congo e in Sud Sudan previsto tra il 31 gennaio e il 5 febbraio prossimi. I due Paesi africani, squassati dai conflitti, saranno una prova impegnativa per le doti diplomatiche di Francesco, che dovrà districarsi in un ginepraio di violenza.

È un viaggio molto atteso quello che papa Francesco ha in agenda tra il 31 gennaio e il 5 febbraio prossimi nella Repubblica Democratica del Congo e in Sud Sudan. Una visita già programmata per lo scorso luglio ma slittata per motivi di salute.

Due Paesi africani squassati da conflitti, dove la pace resta un lontano miraggio. L’impegno di Francesco verso queste nazioni è di vecchia data.

Nella nostra memoria resta scolpita la potente immagine del papa in Vaticano che l’11 aprile del 2019 invocando la fine della guerra civile in Sud Sudan baciò i piedi dei due eterni contendenti: il presidente Salva Kiir e il suo vice Riek Machar. Così come lo scorso luglio si appellò ai governanti di Kinshasa e Juba invitandoli a «voltare pagina per tracciare piste nuove, cammini nuovi di riconciliazione e perdono».

Il richiamo è caduto nel vuoto e in questi mesi le cose sono peggiorate. Francesco ha infatti dovuto annullare la visita a Goma (dove fu ucciso l’ambasciatore Attanasio) per l’insicurezza che regna nell’area.

L’ennesimo cessate il fuoco nell’Est della Repubblica Democratica del Congo infatti ha retto appena 5 giorni perché sono ricominciati  i combattimenti tra l’esercito governativo (sostenuto da militari di Uganda, Kenya, Sud Sudan, Burundi) e i numerosi ed eterogenei gruppi ribelli, tra cui spicca l’M23 (Movimento 23 marzo). La posta in gioco è il controllo delle enormi risorse minerarie del sottosuolo e una intricata rete di interessi politici delle nazioni confinanti.

Kinshasa accusa i ribelli del massacro di 272 civili (tra cui 17 bambini) nel villaggio di Kishishe, 70 chilometri a Nord di Goma, ma l’M23 respinge gli addebiti. Secondo alcune fonti, la strage sarebbe stata una rappresaglia in risposta a un attacco in cui  sono morte personalità di primo piano di nazionalità ruandese (solo ufficiosamente operanti sul territorio) compiuto da una milizia locale di autodifesa.

A surriscaldare il già rovente clima si è aggiunta la minaccia del presidente ruandese Paul Kagame di inviare anche le sue forze armate nella regione orientale del Kivu in risposta ai colpi di artiglieria caduti in Ruanda.

Un aperto intervento del governo di Kigali (che sotto banco ma non troppo appoggia i ribelli) renderebbe il conflitto molto più duro e cruento, prolungando così le sofferenze delle centinaia di migliaia di profughi congolesi (390 mila solo negli ultimi mesi), e rendendo sempre più opaca e inutile la presenza dei caschi blu dell’Onu della Monusco, la missione di pace più grande al mondo.

Ed è caduto nel vuoto anche l’appello di Antony Blinken, segretario di Stato statunitense, che ha pubblicamente chiesto al Ruanda di bloccare l’appoggio al M23 per favorire la pace. Ma da Kigali è arrivata l’ennesima  e caparbia bugia tesa a negare ogni rapporto con i ribelli. Una bugia tanto più problematica se si considera che il Ruanda è il miglior alleato degli Usa in Africa.

La Chiesa congolese ha organizzato manifestazioni in tutto il Paese per chiedere la pace rilevando anche l’ambiguità dell’Occidente che tace sul ruolo del Ruanda, interessato  a dividere la nazione puntando sulla insicurezza. In particolare i cattolici congolesi denunciano che la Commissione europea a novembre ha stanziato 20 milioni di dollari per sostenere l’esercito di Kigali nella lotta contro formazioni jihadiste nell’area di Cabo Delgado in Mozambico.

Situazione altrettanto complessa in Sud Sudan dove la spaccatura politica tra i due contendenti si fa sempre più profonda, alimentando ulteriori massacri, ferimenti, stupri, estorsioni, saccheggi, estorsioni in varie parti della più giovane nazione africana: nella regione dell’Alto Nilo, in Kordofan occidentale, negli Stati federali di Jonglei e Unity.

Altri 20mila civili si sono aggiunti negli ultimi tempi alla enorme massa dei rifugiati sud sudanesi, la più grande del Continente africano. Ai combattimenti tra le varie fazioni dell’esercito fedeli ai due leader si intrecciano gli scontri interetnici e quelli generati da interessi politici locali. L’ingovernabilità è la cifra distintiva. Nello scorso ottobre il partito di governo (Splm) che sostiene Kiir ha deposto il suo vice Machar, manovra respinta dall’opposizione,
ma che non contribuisce al sereno. Le elezioni previste per febbraio 2023 sono slittate a fine 2024 con l’obiettivo di riconfermare l’attuale presidente in carica dal 2011.

Papa Francesco dovrà armarsi della pazienza di Giobbe e sfoderare il meglio delle sue doti diplomatiche per districarsi in questo ginepraio di violenza.

Ph. © Abdulaziz Mohammed via Unsplash

Enzo Nucci

Enzo Nucci

Giornalista. Già corrispondente della Rai per l’Africa subsahariana.

Abbonati ora!

Solo 4 € al mese, tutta Confronti
Novità

Seguici sui social

Articoli correlati

Lascia un commento

Scrivici
Send via WhatsApp