paykwik al
paykwik aloyuncak
Home Confronti Radio

Confronti Radio

 

Confrontarsi sui temi del pluralismo, etica e laicità con uno sguardo all’Italia e al Mondo, attraverso registrazioni in strada e interviste in studio.

È l’obiettivo di Confronti Radio, la trasmissione radiofonica che mette in voce l’esperienza della Rivista e Centro Studi Confronti in onda su Radio Beckwith Evangelica ogni domenica alle 16.00 (replica giovedì alle 21.00).

Confronti Radio – S02 E02 – Muri di ieri, muri di oggi – 10/11/2019

Il 9 novembre è ricorso il trentennale dalla caduta del muro di Berlino, noi partiamo proprio da qui per fare un punto sui muri di oggi, barriere reali e virtuali costruite dall’uomo per allontanare l’uomo.

In particolare vedremo cosa accade in Europa, con un focus particolare su una delle barriere più respingenti del vecchio continente, quella che separa la Francia dall’Inghilterra a Calais.

La lettura che ci tiene compagnia in questa puntata è “Storia politica del filo spinato”, un saggio del professore di filosofia Olivier Razac edito da Ombre Corte. Razac parte da una data cruciale, il 1874: in quell’anno un colono dell’Illinois, Joseph Farwell Glidden, ottiene il brevetto per l’invenzione del filo spinato, per allontanare animali e uomini. Da allora, il filo spinato ha continuato ad essere largamente utilizzato, non solo per delimitare proprietà private, ma anche per segnare frontiere nazionali. Chi rimane aldilà del filo spinato, scrive Razac, non è un cittadino di serie B o un essere con minori condizioni, stare aldilà del filo “non significa trovarsi in una situazione degradante, ma trovarsi in una non condizione assoluta, non si è alle prese con una vita difficile, ma con una morte violenta”.

Come il progetto europeo e i suoi valori fondanti può convivere con questo fenomeno? Ne abbiamo discusso con due esperti, Maurizio Ambrosini, professore di sociologia delle migrazioni e l’avvocato Nazzarena Zorzella.

Confronti Radio – S02 E01 – Radici cristiane e libertà religiosa in Europa – 03/11/2019

L’Europa è ancora cristiana? Secondo il politologo Olivier Roy le radici cristiane sono spesso chiamate in causa dagli europei in modo strumentale e identitario, per allontanare chi appartiene ad altre religioni.

Ne abbiamo parlato a Confronti Radio con due esperti, Lothar Vogel e Pawel Gajewski, per poi approfondire con Ilaria Valenzi il tema della libertà religiosa in Europa e in Italia dal punto di vista del diritto.

Nella rubrica internazionale parliamo del Premio Nobel per la pace assegnato a premier etiope Abiy Ahmed.